19.11.2011: PEC per tutte le trasmissioni telematiche in ingresso e in uscita.

20.11.2011 15:09

Finalmente il D-Day del processo telematico è arrivato.

Da ieri infatti è avvenuto il passaggio dalla CPECPT alla PEC per tutte le trasmissioni telematiche in ingresso e in uscita (depositi e comunicazioni) e per la definitiva applicazione delle regole tecniche indicate nel DM 21.02.2011 e delle specifiche tecniche del 18 luglio 2011.

Al momento sono interessati i soli Uffici Giudiziari già abilitati al processo telematico con decreto del Ministero della Giustizia.

Chi pensava a differimenti si sarà dovuto ricredere.

Molti colleghi avranno ricevuto o riceveranno nelle prossime ore nella casella PEC comunicata all’Ordine, il seguente messaggio proveniente da comunicazionesoggetti@giustiziacert.it :

-----------------------------------------------

Oggetto: [REGINDE] AVVENUTA REGISTRAZIONE AL PROCESSO TELEMATICO
Da: comunicazionesoggetti@giustiziacert.it
Data: Ven 18/11/2011 20:41
A: xxxxxxxx.xxxxx@pec-avvocatixxxxxx.it

 

Gentile XXXXXXXX
il suo indirizzo di PEC xxxxxxxx.xxxxxxx@pec-avvocatixxxxxxxx.it è stato comunicato dal suo Ordine Professionale o Ente di appartenenza al Ministero della Giustizia e censito nel Registro Generale  degli Indirizzi  Elettronici ai sensi del D.M. 21 febbraio 2011 n. 44, art. 7.
Si prega di non replicare a questo messaggio automatico.
Per ulteriori informazioni: http://www.processotelematico.giustizia.it/
Cordiali saluti.

-------------------------------------

La ricezione del messaggio vi darà conferma del fatto che il vostro Ordine avrà eseguito (con successo) la procedura prevista dalle nuove regole tecniche per comunicare a D.G.S.I.A. (tramite invio dell’albo in formato xml e firmato digitalmente dal delegato all’invio) la vostra casella PEC per l’utilizzo (invio e ricezione comunicazioni) del processo telematico.

Prima di tale invio, il vostro Ordine avrà avuto cura di inoltrare, sempre a D.G.S.I.A., il documento di censimento previsto dalle specifiche tecniche del 18 luglio 2011 e di ricevere la risposta dal Ministero circa il suo esito.

A questo proposito…

A T T E N Z I O N E

 

è importante che si sappia che D.G.S.I.A.  non ha inviato a tutti gli Ordini la risposta prevista dall’art. 8 comma 3 del provvedimento 18 luglio 2011 per cui alcuni di essi non avranno ancora inviato l’Albo in attesa di riceverla; tale comportamento, logico e conforme alle regole dettate da D.G.S.I.A. , impedirà di fatto agli iscritti di tali ordini di utilizzare il PCT.

 

S U G G E R I M E N T O PER GLI ORDINI

 

anche in mancanza della citata risposta, inoltrate comunque l’albo in formato xml e firmato digitalmente al seguente indirizzo: comunicazionesoggetti@giustiziacert.it (ricordo che: l’albo deve essere firmato digitalmente dal delegato e l’invio deve essere fatto tramite la PEC dell’Ordine indicata nel documento di censimento).

Suggerisco ciò in quanto chi scrive ha inviato l’Albo, accettato da D.G.S.I.A., pur non avendo l’Ordine a cui appartengo ricevuto la risposta prevista dall’art. 8 comma 3 del provvedimento 18 luglio 2011.

 

Teramo 20 novembre 2011

Avv. Maurizio Reale